Home » Prima pagina

Il Comune vende i beni di famiglia

In qualche modo bisogna reperire risorse, in tempi di vacche magre, e quindi l’amministrazione ha deciso di vendere alcuni immobili di proprietà pubblica. E’ stato infatti pubblicato dal Comune di Thiene il nuovo bando di gara per l’alienazione di tre immobili: un negozio in via Dante, un fabbricato rurale in via Braghettone e parte di un immobile di via Lampertico. Come da disposizioni di giunta, i prezzi sono stati rivisti al ribasso rispetto al bando precedente, con riduzione del 20% per il negozio di via Dante e l’immobile di via Lampertico e del 10% per il fabbricato rurale in via Braghettone.

Le domande vanno presentate all’ufficio protocollo del comune entro le 12.30 del 31 gennaio 2011. Gara fissata in municipio alle 10 del 2 febbraio 2011. Per informazioni sul bando o la richiesta di una copia rivolgersi all’ufficio contratti mentre per indicazioni di carattere tecnico all’ufficio urbanistica.
“Il patrimonio immobiliare del comune è rappresentato da numerose proprietà – spiega l’assessore alla conservazione e sviluppo del patrimonio Alberto Zannini – in questo caso si tratta di edifici che non sono ritenuti strategici per le progettazioni future dell’amministrazione e diventano invece una possibilità, grazie alla vendita, di recuperare risorse visto il difficile momento che stanno attraversando anche i comuni. L’invito alla cittadinanza è quindi di valutare quella che consideriamo una buona opportunità per i privati. Il negozio di via Dante infatti è in una posizione centrale e in buone condizioni, il fabbricato di via Braghettone ha una cubatura di una certa importanza, l’immobile di via Lampertico invece è un lascito ricevuto dall’amministrazione. In comune, e nel sito, comunque sono a disposizione tutte le informazioni necessarie”.

Nuova sala convegni nell’ex biblioteca

Arriva a rispondere alle tante richieste di disponibilità di uno spazio pubblico per incontri e serate la nuova sala convegni di via I° Maggio, recuperata dal Comune di Thiene al piano terra dell’ex biblioteca. Un investimento di 120mila euro per l’amministrazione per la sistemazione complessiva della sala: 140 metri quadrati di spazio per circa 100 posti. Un progetto di recupero che si è concretizzato nella ristrutturazione della sala, nuova impiantistica e servizi, sistemazione di pavimentazione e serramenti e tinteggiatura. Poi si è provveduto a completare l’intervento con gli arredi. Spazio nuovo quindi, anche se in parte è già stato utilizzato dagli studenti del liceo Corradini, grazie ad una convenzione che consente all’istituto scolastico, in caso di necessità, di poter usufruire della sala per attività didattiche.
“Abbiamo recuperato una sala al piano terra, completamente autonoma, con propria entrata e servizi di supporto – spiega il sindaco Marita Busetti – così potrà essere utilizzata dalla collettività senza disturbare le classi del liceo, ai piani superiori, né l’attività del giudice di pace, nello stesso stabile. Sarà a disposizione delle associazioni di volontariato, ci sono tante richieste, ma la volontà è anche quella di utilizzarla per supportare momenti di incontro tra i giovani. La nuova sala in via I° Maggio inoltre consentirà di liberare uno spazio a palazzo Cornaggia, in biblioteca, per poterlo affidare completamente agli studenti che hanno bisogno di orari e tempi diversi di apertura. Verrà quindi sottoscritta successivamente una convenzione tra il comune e un gruppo di studenti che diventeranno responsabili della piccola sala autonoma del piano terra in biblioteca, dell’apertura e della chiusura. Per il nuovo spazio di via I° Maggio, che apriamo ufficialmente alla comunità, chiediamo invece il supporto ai cittadini, per individuare il nome di un personaggio della storia locale, vicentina o veneta, a cui intitolare la sala”.
“Si tratta di una nuova sala importante, ristrutturata, arredata, facilmente accessibile e decisamente luminosa – aggiunge l’assessore ai lavori pubblici Antonello Amatori – sarà a disposizione della cittadinanza, viste le tante richieste che ci sono in città per uno spazio pubblico”.

Idee per ridisegnare il parco di villa Fabris

Il Comune si affida ai giovani creativi per ridisegnare il parco di villa Fabris, attraverso una interessante e ottima intuizione. Sono stati attivati nei giorni scorsi il sito ed il blog dove  i giovani – e non solo loro – potranno proporre all’Amministrazione Comunale idee e progetti per ridisegnare l’area del parco di Villa Fabris e quella limitrofa. Gli indirizzi sono: http://sites.google.com/site/ideeparcovillafabris/home (per il sito) e http://ideeparcovillafabris.blogspot.com/ (per il blog).
Il Laboratorio di Idee Ri-Disegna il parco di Villa Fabris era stato lanciato nella scorsa primavera, contestualmente alla mostra Piazze d’Europa, piazze per l’Europa,  voluta dall’Amministrazione Comunale per sensibilizzare la cittadinanza sul tema della piazza come luogo di aggregazione, nell’ambito del percorso più generale di riqualificazione urbana in atto. Il Laboratorio di Idee – si ricorda – intende coinvolgere in particolare gli  studenti del Liceo “F. Corradini” e dell’Istituto “A. Ceccato” di Thiene che, nell’anno scolastico 2010-2011, sono invitati a elaborare soluzioni archiettoniche e/o urbanistiche su supporto grafico o multimediale sugli spazi pubblici dell’area verde del parco e di tutta quella – nevralgica per Thiene -  compresa tra via Gorizia, Piazzale Divisione Acqui, via Damiano Chiesa ed il retro dello scenario urbanistico prospiciente via Trieste.
Le idee proposte saranno pubblicate nello spazio web sopra indicato. Ai vincitori, individuati da apposita commissione, saranno assegnati premi in materiale scolastico e/o informatico.
“L’Amministrazione Comunale – dichiara il Sindaco, Maria Rita Busetti – ha ritenuto  di coinvolgere i giovani con il Laboratorio di idee per il ri-disegno del parco di Villa Fabris anche in questa fase progettuale dell’area, segno della volontà di accordare ben volentieri spazio alla creatività dei nostri studenti, valorizzandoli. I giovani – conclude Busetti – sono una componente della cittadinanza particolarmente attenta all’offerta e alla fruizione di spazi pubblici di incontro qualificati ”.

Un aiuto agli alluvionati

Anche il Comune di Thiene ha deciso di fare la sua parte e partecipare attivamente alle varie iniziative messe in atto nel vicentino per aiutare gli alluvionati del primo movembre.

Si è appreso che sarà l’Istituto Comprensivo “G.A. Farina” di Vicenza a beneficiare dell’iniziativa di solidarietà voluta dall’Amministrazione Comunale di Thiene nel corso dell’ultima seduta consiliare dell’anno 2010, quando il  il Consiglio aveva deciso di devolvere il gettone di presenza spettante per quella seduta in favore di una realtà colpita dall’alluvione di inizio novembre. La scelta del beneficiario è caduta sul “Farina”, una realtà scolastica colpita dagli eventi calamitosi: a indicare l’Istituto è stata il Sindaco, Maria Rita Busetti, con una proposta subito accettata  dai Capigruppo. Sindaco, Presidente del Consiglio e Assessori, che non percepiscono il gettone di presenza, devolveranno la somma equivalente dall’indennità amministrativa percepita.

“L’iniziativa – dichiara Paolo Trevisi, Presidente del Consiglio Comunale – vuole soprattutto indicare la nostra sentita vicinanza ai vicentini colpiti dall’esondazione di novembre. E’ stata una decisione presa all’unanimità dal Consiglio e che ha quindi trovate concorde tutte le forze politiche. E’ un piccolo segno, ma anche un piccolo segno può essere d’aiuto“.

La somma sarà erogata nei prossimi giorni.