Home » Prima pagina, SOCIALE, SOCIETA'

CRISI: Il Comune fa la sua parte

In un momento difficile come quello che stiamo vivendo, il Comune di Thiene fa la sua parte per aiutare le persone in difficoltà grazie al “Patto sociale per il lavoro”. Dal mese di maggio a Thiene hanno già iniziato ad essere occupati tre lavoratori socialmente utili, altri quattro hanno iniziato in agosto e gli ultimi prenderanno servizio in settembre per un totale di 14 persone.   Saranno impiegati dall’Amministrazione Comunale per 6 mesi, 24 ore settimanali, a circa 550 euro mensili, in attività di collaborazione con gli uffici e servizi. Quattro i progetti specifici predisposti per i lavoratori: biblioteca; tributi; cultura e altri servizi settore segreteria; ecologia e servizi tecnici. Si tratta di un vero e proprio ammortizzatore sociale, in pratica l’offerta di un impiego temporaneo, non finalizzato all’assunzione in Comune, che consente di superare un momento di difficoltà in attesa di trovare nuova collocazione nel mondo del lavoro. Uno strumento efficace quindi per promuovere il reinserimento delle persone disoccupate o svantaggiate o comunque in difficoltà a causa della crisi. Per il “Patto sociale per il lavoro nel Vicentino” il Comune di Thiene ha avuto dalla Provincia, finanziamento della Fondazione Cariverona, un contributo di circa 51mila euro, ma il progetto, al quale viene destinata buona parte della somma ricevuta, è co-finanziato dalla stessa amministrazione thienese con altri 15mila euro già impegnati in bilancio.“E’ un momento delicato per molti, a cui abbiamo cercato di rispondere velocemente nel tentativo di supportare i nostri cittadini in difficoltà – dice il sindaco di Thiene Marita Busetti – non abbiamo potuto rispondere a tutte le domande che sono arrivate ma molte persone sono già seguite e sostenute dai  Servizi Sociali. Il patto sociale per il lavoro è comunque un’iniziativa importante, perchè rappresenta una mano tesa per far recuperare a chi è rimasto senza lavoro un ruolo nella comunità”.