Home » Comune di Marano, Prima pagina, SOCIETA', SPETTACOLO, TERRITORIO

SUL PODIO REGIONALE i ragazzi “registi” della scuola Vittorio Alfieri

Non erano esperti di produzioni video, non hanno usato mezzi tecnici sofisticati e non si sono affidati a commentatori professionisti.
Hanno semplicemente cercato di vedere i problemi ambientali dal loro punto di vista cercando di raccontare, in maniera semplice, quello che c’è dietro la raccolta differenziata, o quello che si rischia non rispettando le norme sull’ambiente.
In questo modo, con un video di pochi minuti, gli allievi della 3^ D della scuola media di Marano hanno ottenuto il primo posto a livello regionale del concorso promosso da Cobat, Consorzio nazionale raccolta e riciclo, ottenendo un premio di 10 mila euro.
Una soddisfazione enorme per i ragazzi e per gli insegnanti che li hanno seguiti in questo progetto, realizzato ancora alla fine dello scorso anno scolastico.
«Da sempre la nostra scuola opera nel campo dell’ educazione ambientale – spiega la prof. Paola Polato, insegnante di matematica e scienze della classe vincitrice- ed anche negli ultimi anni, nonostante il taglio dei fondi previsti per l’istruzione, abbiamo continuato l’attività insistendo in particolar modo sul rispetto per l’ambiente, sull’importanza del riciclaggio dei rifiuti e sull’utilità della raccolta differenziata». Così la scorsa primavera gli alunni dell’allora classe 2^D,
con il contributo di tutte le classi della scuola, hanno prodotto il video da inviare a Cobat decisi a vincere.
L’obiettivo dei ragazzi era infatti quello di recuperare i fondi per acquistare una Lim, lavagna interattiva multimediale.
Sono andati a visitare l’inceneritore di Schio per capire che fine fa quello che si butta; nel cortometraggio hanno rappresentato le cattive abitudini della gente in materia di rifiuti ed hanno dato indicazioni su come combatterle, ma soprattutto hanno chiarito l’importanza del riciclaggio.
Nei giorni scorsi è arrivato il verdetto, decretato da una giuria Regionale composta dai rappresentanti di Cobat, del ministero dell’Ambiente, del ministero dell’Istruzione, della Regione, della Rai e di Legambiente, che vede il video della scuola media “Alfieri” tra i primi quaranta a livello nazionale e primo nel Veneto. Con i 10 mila euro vinti, non arriverà alla scuola di Marano solo una lavagna multimediale, ma in più aule nei prossimi mesi ci sarà la Lim.

Non erano esperti di produzioni video, non hanno usato mezzi tecnici sofisticati e non si sono affidati a commentatori professionisti. Hanno semplicemente cercato di vedere i problemi ambientali dal loro punto di vista cercando di raccontare, in maniera semplice, quello che c’è dietro la raccolta differenziata, o quello che si rischia non rispettando le norme sull’ambiente. In questo modo, con un video di pochi minuti, gli allievi della 3^ D della scuola media di Marano hanno ottenuto il primo posto a livello regionale del concorso promosso da Cobat, Consorzio nazionale raccolta e riciclo, ottenendo un premio di 10 mila euro. Una soddisfazione enorme per i ragazzi e per gli insegnanti che li hanno seguiti in questo progetto, realizzato ancora alla fine dello scorso anno scolastico.