Home » Comune di Thiene, Prima pagina, SOCIETA', TERRITORIO

IL Sindaco lancia la sua proposta a favore delle Donne

Il sindaco Busetti lancia Il “Tavolo delle Donne” , organismo tavolo apartitico, senza connotazione politica, che riunisce esperienze e culture diverse, sensibilità e professionalità di donne che possono fare qualcosa per altre donne, richiamando l’attenzione sul mondo femminile a 360°.

“Sono anni che cerco di trovare il modo e le figure femminile più giuste per dare ad altre donne un punto di riferimento – spiega il sindaco di Thiene Maria Rita Busetti – ovvero un tavolo dove la parte bella e la parte drammatica del ruolo femminile possa essere trattata senza preconcetti politici o di parte. Credo fermamente nel ruolo fondamentale che la donna ha avuto e ha. E mi pesa vedere che, ancora oggi, anche nella società occidentale, si fatica a riconoscerlo. Non vuole esserci né retorica né femminismo in questo tavolo.

Solo la volontà di mettere a disposizione culture ed esperienze diverse a favore di tutte le donne. Dopo una lunga ricerca ho trovato chi mi ha capito, chi ha accettato di mettersi in gioco e di raccogliere questa sfida in nome e per conto di tutte le donne”. Un tavolo qualificato, che punta la sua attenzione sulle problematiche della donna. Che vuole invitare a riflettere ma anche a proporre e a trovare soluzioni. La donna che fatica a far carriera, la donna straniera che deve integrarsi nel nostro paese, la donna che subisce violenza, che combatte per la libertà e per il riconoscimento dei propri diritti. La donna sola e la donna compagna. Il “Tavolo delle Donne” promuoverà diverse iniziative sul territorio, cercando di proporre occasioni di confronto, spunti di riflessione, progetti e proposte culturali e di portare nel Vicentino personalità importanti (e perchè no un premio Nobel) per potersi confrontare e per affrontare le problematiche del mondo femminile. Quattro le componenti del “Tavolo delle Donne”: la vicentina Maria Teresa Sperotto, l’iraniana Bohloli Fatemeh, la romena Gabriela Hanachiuc e la ghanese Esther Bonzie.