Home » Comune di Malo, Comune di Marano, Comune di Thiene, Prima pagina, TERRITORIO

L’addio al Conte Marsetti

Il conte Marsetti se n’è andato. Luigi Fortunato, conosciuto anche come Gino, è morto all’ospedale di Asiago a 67 anni. Alcuni dicono che sia deceduto per un boccone andato di traverso, altre fonti si limitano a dire che si è spento per un infarto. Non fa nessuna differenza. Il Conte, personaggio straordinario dell’alto vicentino, ha tolto il disturbo cogliendo di sorpresa migliaia di “amici” che seguivano le sue gesta via Facebook o incontrandolo in sella alla sua vespa fra Malo, Marano, Thiene e Molina. L’immagine ricordata dai più è quella di lui, in abiti eleganti e sgargianti con la coccarda portata sulla giacca. Il fare galante e talvolta eccentrico l’hanno reso protagonista di curiosi episodi che hanno creato la leggenda. Sì, perchè Gino era leggenda. Chi lo ha conosciuto nei suoi anni migliori non avrà dimenticato le entrate nei locali pubblici. “Salutate il conte Marsetti” era l’esordio. I suoi erano modi originali, ma sempre innocui, anche se a volte, bisogna riconoscerlo, qualche eccesso se lo concedeva. Tutti, però, hanno continuato ad alimentare tenerezza e popolarità nei suoi confronti fino ad oggi, tanto che nel 2009 gli è stata dedicata la pagina Facebook che conta oltre 6000 fan.  Molti gli aneddoti con le battute, a volte folcloristiche, che gli sono attribuiti. Tante verità e più di qualche fantasia, come capita quando si parla di personaggi eccentrici. Da un po’ di tempo il conte aveva abbandonato il palcoscenico, o per lo meno non era più il prim’attore del passato. Forse il sipario si stava già abbassando e la “carriera” di Gino si stava avviando verso una lenta eclissi. Cosa che però non è avvenuta perchè il “nobile” Marsetti ha voluto chiudere con un colpo di scena. Degno di uno straordinario showman. E lui lo era. Onore al conte.