Home » Comune di Thiene, Comune di Zugliano, Prima pagina, SOCIETA', TERRITORIO

COMPLEANNI IMPORTANTI a THIENE e ZUGLIANO

Sono stati ben due i thienesi che hanno festeggiato in questi giorni un compleanno d’eccezione: ben centun’anni!  Sono GALVAN PALMIRA che ha compiuto 101 anni  lo scorso 6 novembre e DALLA FINA ANTONIO  che ha festeggiato il proprio compleanno il 19 novembre.    L’Assessore Comunale ai Servizi alla Persona e alla Famiglia Maurizio Fanton li ha incontrati per porgere loro gli auguri della Città di Thiene e dell’Amministrazione Comunale.  Nella prima foto  Palmira Galvan  e nella seconda Antonio Dalla Fina, assieme a familiari e all’assessore Fanton.

Zugliano. Nonnina festeggia 100 anni. ‘Il mio elisir è lo zucchero’
Lo zucchero, un elisir di lunga vita che non ci si dovrebbe far mancare mai. Lo giurerebbe almeno Teresa Borgo, nata e vissuta a Zugliano, che in questi giorni giorni, ha compiuto ben 100 anni. Una vita dura di lavoro, prima a fianco del marito, Rino Giobatta Carollo, poi dall’eta` di 57 anni, quando è rimasta vedova, da sola, alla guida della sua casa, ma anche di tante attività agricole. Andava a piedi da Villa Rospigliosi a Marano per lavorare i bachi da seta.   Una tempra forte, un animo generoso e molto attaccato alla famiglia, che hanno dato i loro frutti, dato che ad oggi ha avuto dai figli Giorgio ed Antonio, ben sei nipoti e tre pronipoti.
Forse, accanto allo zucchero, anche l’etica del lavoro e del sacrificio, della rinuncia al superfluo e dei valori veri, hanno contribuito a fare di lei una centenaria, di cui Zugliano, nella persona del suo sindaco Romano Leonardi, si dice fiero.

Zugliano. Nonnina festeggia 100 anni. ‘Il mio elisir è lo zucchero’Lo zucchero, un elisir di lunga vita che non ci si dovrebbe far mancare mai. Lo giurerebbe almeno Teresa Borgo, nata e vissuta a Zugliano, che in questi giorni giorni, ha compiuto ben 100 anni. Una vita dura di lavoro, prima a fianco del marito, Rino Giobatta Carollo, poi dall’eta` di 57 anni, quando è rimasta vedova, da sola, alla guida della sua casa, ma anche di tante attività agricole. Andava a piedi da Villa Rospigliosi a Marano per lavorare i bachi da seta.   Una tempra forte, un animo generoso e molto attaccato alla famiglia, che hanno dato i loro frutti, dato che ad oggi ha avuto dai figli Giorgio ed Antonio, ben sei nipoti e tre pronipoti.Forse, accanto allo zucchero, anche l’etica del lavoro e del sacrificio, della rinuncia al superfluo e dei valori veri, hanno contribuito a fare di lei una centenaria, di cui Zugliano, nella persona del suo sindaco Romano Leonardi, si dice fiero.