Home » Comune di Marano, Comune di Thiene, Prima pagina, TERRITORIO

CAVA VIANELLE, la palla passa al Parlamento

Un’altra puntata della combattuta vicenda sulla discarica Vianelle, ai confini fra Thiene e Marano. La voragine è da tempo all’attenzione della cronaca per la preoccupazione che i rifiuti speciali conferiti possano inquinare la sottostante falda acquifera, considerata una delle più grandi dell’area e fondamentale per una lunga lista di comuni vicentini e Padovani. I Comuni di Thiene e Marano stanno seguendo con attenzione le vicende che riguardano la discarica e la salvaguardia della falda acquifera. Come da impegni assunti pubblicamente, Giovanni Casarotto e Piera Moro hanno invitato a Thiene i parlamentari vicentini per chiedere, con  uno sforzo congiunto, una proposta di legge che a partire dai noti fatti del territorio preveda l’impossibilità di attività di discarica sopra falde e zone di ricarica della stessa.
Una legge, dunque, a livello nazionale che tuteli tutto il territorio.  “Stiamo rappresentando – ha esordito Piera Moro, Sindaco di Marano Vicentino – tutti i Comuni che beneficiano della falda. Esiste una legge nazionale ma non è sufficiente ad assicurare alle nuove generazioni un territorio non contaminato. Per questo abbiamo deciso di coinvolgere  i parlamentari che hanno ricevuto anch’essi deleghe dai cittadini, ma su un altro ambito e con differenti competenze  rispetto a noi sindaci”.  Giovanni Casarotto, Sindaco di Thiene, concorda ed aggiunge: “ Vogliamo muoverci realisticamente.
Intendiamo percorrere le strade idonee a salvaguardare con lungimiranza il nostro territorio”.
All’invito dei Sindaci ha risposto l’on Daniela Sbrollini.  “Siamo ormai alla fine della legislatura – ha detto la parlamentare ai Sindaci di Thiene e Marano – e il tempo a nostra disposizione è strettissimo.

Un’altra puntata della combattuta vicenda sulla discarica Vianelle, ai confini fra Thiene e Marano. La voragine è da tempo all’attenzione della cronaca per la preoccupazione che i rifiuti speciali conferiti possano inquinare la sottostante falda acquifera, considerata una delle più grandi dell’area e fondamentale per una lunga lista di comuni vicentini e Padovani. I Comuni di Thiene e Marano stanno seguendo con attenzione le vicende che riguardano la discarica e la salvaguardia della falda acquifera. Come da impegni assunti pubblicamente, Giovanni Casarotto e Piera Moro hanno invitato a Thiene i parlamentari vicentini per chiedere, con  uno sforzo congiunto, una proposta di legge che a partire dai noti fatti del territorio preveda l’impossibilità di attività di discarica sopra falde e zone di ricarica della stessa.  Una legge, dunque, a livello nazionale che tuteli tutto il territorio.  “Stiamo rappresentando – ha esordito Piera Moro, Sindaco di Marano Vicentino – tutti i Comuni che beneficiano della falda. Esiste una legge nazionale ma non è sufficiente ad assicurare alle nuove generazioni un territorio non contaminato. Per questo abbiamo deciso di coinvolgere  i parlamentari che hanno ricevuto anch’essi deleghe dai cittadini, ma su un altro ambito e con differenti competenze  rispetto a noi sindaci”.  Giovanni Casarotto, Sindaco di Thiene, concorda ed aggiunge: “ Vogliamo muoverci realisticamente. Intendiamo percorrere le strade idonee a salvaguardare con lungimiranza il nostro territorio”.    All’invito dei Sindaci ha risposto l’on Daniela Sbrollini.  “Siamo ormai alla fine della legislatura – ha detto la parlamentare ai Sindaci di Thiene e Marano – e il tempo a nostra disposizione è strettissimo.

Il tema della salvaguarda ambientale è prioritario e cercherò la collaborazione dei colleghi onorevoli e senatori vicentini, che oggi purtroppo non sono qui.  Già in agosto ho presentato un’interrogazione scritta al Ministro per l’Ambiente sulla situazione creatasi nella cava Vianelle. Visto che la normativa esistente è carente, il mio impegno sarà quello di presentare una mozione al Ministro per una legislazione più precisa e che assicuri maggiori controlli.  La nostra mozione sarà supportata dalla raccolta di firme dei cittadini e delle associazioni, nonché dalle delibere che i Comuni interessati alla falda acquifera hanno votato e inviato a Marano e Thiene a sostegno dell’azione di salvaguardia idrica intrapresa a seguito degli avvenimenti relativi alla cava Vianelle. Intendiamo scrivere la mozione assieme ai Sindaci e portarla a Roma entro dicembre, così che, visto la  scadenza ormai prossima dell’attuale legislatura, possa essere base di partenza per i primi lavori del nuovo Parlamento”.    La sensibilità alle tematiche ambientali di Daniela Sbrollini è di lunga data.

Durante l’incontro l’onorevole ha espresso preoccupazione anche per la prossima chiusura della sede vicentina dell’ARPAV, che verrà accorpata con altra provincia, vista che la falda acquifera del nostro territorio è tra le maggiori d’Italia e la sua tutela necessita pertanto di adeguato controllo.  All’incontro era presente anche l’assessore al territorio del Comune di Costabissara, Nazzareno Campana.